I Servizi erogati dal Tribunale di Potenza

RICORSO PER LA PROTEZIONE CONTRO GLI ABUSI FAMILIARI
DOVE

Ufficio Volontaria Giurisdizione – IV piano – stanze nn. 31 e 32

Responsabile: dott.ssa Simonetta Rufino

Addetto: sig.ra : Elisa Ronzano

Cos'è

Qualora uno dei coniugi (o il convivente oppure un altro familiare) tenga un comportamento pregiudizievole nei confronti dell'altro coniuge (o convivente oppure altro componente del nucleo familiare), si può chiedere al Tribunale un provvedimento per ottenere una misura di protezione (cessazione della condotta illegittima; allontanamento del responsabile; intervento dei servizi sociali; pagamento di un assegno periodico, etc.) per la durata di sei mesi, salvo proroga per gravi motivi.

Chi

Il ricorso è presentato dal coniuge o da qualsiasi altro familiare, accompagnato da legale.

Come e documentazione

Il ricorso deve essere presentato presso il Tribunale del luogo di residenza dell’istante.

Si può chiedere al Tribunale di ottenere un ordine di protezione in merito a:

  • la cessazione della condotta illegittima del responsabile
  • l’allontanamento del responsabile dalla casa familiare
  • il non avvicinamento del responsabile ai luoghi abitualmente frequentati da chi ha presentato l’istanza ed in particolare al luogo di lavoro, al domicilio della famiglia di origine, al domicilio di altri prossimi congiunti o di altre persone ed in prossimità dei luoghi di istruzione dei figli della coppia, salvo che questi non debba frequentare i medesimi luoghi per esigenze di lavoro
  • l’intervento dei servizi sociali
  • il pagamento di un assegno periodico a favore delle persone conviventi, rimaste prive di mezzi adeguati.

Costo

Esente da contributo unificato se in favore di minore

In tutti gli altri casi:

€ 85,00 contributo unificato

€ 8,00 diritti di notifica

Tempi

Un anno circa

Leggi e regolamenti

Artt.342 bis segg. Cod.Civ.

Legge n.154 del 2 Aprile 2001.